Prenota una prima visita - Roma e online


facebook
instagram
youtube
tiktok

Dr.ssa Paola Romitelli

© 2024 Dr.ssa Paola Romitelli | Email p.romitelli@gmail.com

Privacy Policy | Cookie policy 

L’importanza della resilienza psicologica nella vita quotidiana

2024-06-12 16:29

Paola Romitelli

cambiamento, Resilienza,

L’importanza della resilienza psicologica nella vita quotidiana

La resilienza è una capacità che permette di adattarsi alle avversità, superare le sfide e riprendersi dalle difficoltà.Non è innata. È una competenza...

 

 

 

La resilienza è una capacità che permette di adattarsi alle avversità, superare le sfide e riprendersi dalle difficoltà.

 

 

 

La resilienza è una capacità che permette di adattarsi alle avversità, superare le sfide e riprendersi dalle difficoltà.
Non è innata. È una competenza che si acquisisce man mano. L’ambiente, o gli svariati ambienti, in cui si vive sono fondamentali per il suo sviluppo precoce. Ma c’è sempre tempo per svilupparla.

 

I benefici della resilienza sono tangibili e immediati: un senso del Sè forte, autostima, risoluzione positiva dello stress, soddisfazione, equilibrio psico-fisico, creatività, facilità nel compiere scelte, rialzarsi più celermente dopo una caduta.

 

Mi piace parlare di resilienza interna, propria dell’individuo, e di resilienza esterna, cioè l’ambiente e le risorse esterne di cui si dispone.

 

Cosa si può fare per rafforzare o sviluppare resilienza?

 

Prima di tutto propongo una definizione:

 

“La resilienza è la capacità di affrontare, adattarsi e riprendersi rapidamente dalle avversità o dalle difficoltà significative. Non si tratta solo di resistere di fronte alle sfide, ma riguarda soprattutto la capacità di continuare a crescere ed evolversi a seguito di esperienze negative. È un processo dinamico che permette di mantenere o ritrovare il benessere psicologico in condizioni di stress”.

 

Ora vediamo ciò che si può effettivamente fare per migliorare la propria resilienza (sia interna che esterna): 
 

- Stabilire connessioni: costruire e mantenere relazioni positive con amici, familiari e colleghi aiuta a creare una rete di supporto che può offrire assistenza e incoraggiamento nei momenti difficili.

- Gestione positiva delle emozioni: imparare a controllare ed esprimere le emozioni in modo sano è fondamentale. Tecniche come la mindfulness, la meditazione, il respiro consapevole o la scrittura riflessiva o terapeutica possono aiutare a gestire lo stress e le emozioni negative.

- Obiettivi realistici: stabilire obiettivi realistici è fondamentale per procedere verso un senso di efficacia personale, elemento chiave della resilienza.

- Ottimismo: coltivare un atteggiamento positivo, senza ignorare la realtà, permette di affrontare le avversità con maggiore equilibrio e di vedere le opportunità anche nelle difficoltà. In pratica, si sta parlando di imparare a vedere il bicchiere mezzo pieno invece che mezzo vuoto.

- Autocura: mantenere o costruire uno stile di vita sano, con una alimentazione sana, esercizio fisico regolare e sonno adeguato, rinforza la capacità del corpo e della mente di affrontare lo stress.

- Accettazione del cambiamento: riconoscere che il cambiamento fa parte della vita può aiutare ad adattarsi più facilmente alle situazioni nuove o difficili.

- Apprendimento dalle esperienze: ogni sfida è un'opportunità di crescita. Analizzare e riflettere su come si è gestite situazioni passate può insegnare preziose lezioni su come affrontare meglio le sfide future. Questa abilità ha bisogno di un un percorso psicoterapico nella maggior parte delle volte poiché è difficile potersi osservare dall’esterno e comprendere le dinamiche relazionali inconsce che portano a ripetere sempre gli stessi schemi.

- Riconoscimento della vulnerabilità: ammettere di avere bisogno di aiuto mostra una forte consapevolezza di sé e apertura, superando spesso gli ostacoli imposti da orgoglio o paura del giudizio. Questo è un segno di forza che “rafforza” la resilienza.

- Sostegno delle relazioni: le relazioni di supporto sono fondamentali. Amici, familiari, colleghi o professionisti possono offrire non solo sostegno emotivo, ma anche risorse e consigli pratici che possono essere cruciali nei momenti di crisi.

- Chiedere aiuto: saper chiedere aiuto contribuisce a creare e mantenere una rete di supporto attiva, che può fungere da cuscinetto contro le pressioni della vita. Questo tipo di comunità può offrire un senso di appartenenza, migliorare il benessere emotivo e aumentare la capacità di affrontare lo stress. Inoltre riconoscere quando e a chi chiedere aiuto può rendere molto più efficace la gestione delle risorse disponibili. Questo permette di affrontare i problemi in modo più strategico, ottimizzando i risultati.

 

Puoi prendere spunto da questo elenco per valutare quante e quali abilità di resilienza hai, quali sono da rafforzare e quali da costruire. Puoi farcela, le risorse ci sono sempre dentro ognuno di noi e anche fuori, basta riconoscerle e “innaffiarle”. E se proprio pensi di non averne, puoi costruirle!!

 

 

 

Crediti per l'immagine: Foto di Rosy / Bad Homburg / Germany